STUDIO LEGALE
SCAFETTA

Cosa possiamo fare per la nostra salute mentale durante l'emergenza coronavirus

quarantena coronavirus

di Marina Romano

Medici e infermieri rischiano la loro salute mentale per noi. Mentre curano il coronavirus, gli operatori sanitari riferiscono alti tassi di depressione e di ansia, come dimostra un nuovo studio.

E noi, da casa… cosa possiamo fare per la nostra salute mentale?

Gli studi condotti sulla scia dell'epidemia di SARS del 2003 indicano che la quarantena e le psicosi collettive producono alterazioni psicologiche.

Il venti per cento di coloro che sono stati infettati da questo virus erano operatori sanitari. È stato condotto uno studio con operatori sanitari di ogni tipo nei tre anni successivi all'epidemia SARS del 2003 a Pechino.

Queste persone erano state in un ospedale considerato ad alto rischio, o avevano subito una quarantena, o erano state vittime della morte di un membro della famiglia a causa del virus.

Si è scoperto che il 10% aveva sofferto di alti livelli di disturbo post-traumatico da stress (PTSD) e all'interno di questo gruppo il 40% soffriva ancora di PTSD tre anni dopo.

Un altro studio è stato condotto con gli operatori sanitari di Toronto durante la crisi del 2003, quando la situazione era critica, poiché diversi ospedali erano stati chiusi per mancanza di dipendenti dato che erano stati infettati e si trovavano in quarantena.

È emerso che il 29% dei lavoratori ha ottenuto un punteggio elevato circa il disagio emotivo.

Questi risultati sono coerenti con gli studi sulla SARS a Taiwan, dove più del 75% dei dipendenti ha avuto problemi psichiatrici (Dr. Mian- Yoon Chong, Chang Gung Memorial Hospital, Kaohsiung, Taiwan. 2004).

A Singapore, oltre il 21% dei dipendenti ha sofferto di disturbi psichiatrici. All'interno della popolazione generale, il 40% del campione di un'indagine condotta a Hong Kong soffriva di una malattia psichiatrica attiva. Gli effetti più comuni erano la depressione, la stanchezza cronica e il disturbo ossessivo-compulsivo. Come altre pandemie ed epidemie emergenti, il COVID-19 sta creando immensi disturbi psicosociali.

La malattia comporta una minaccia sconosciuta, difficile da individuare e difficile da distinguere dalle malattie più benigne. In assenza di un vaccino, gli interventi non farmacologici – come le restrizioni a cui siamo sottoposti - sono l'unico modo per prevenire le infezioni e sconvolgono drammaticamente le abitudini quotidiane, le interazioni sociali e gli scambi economici.

Le corse ai negozi di alimentari sono un segno di preoccupazione nella comunità. Anche le azioni personali per evitare il contagio - come l'acquisto compulsivo di disinfettanti per le mani - conferiscono un senso di controllo su un pericolo incerto. In particolar modo, gli operatori sanitari coinvolti in prima linea devono affrontare fattori di stress sempre più gravi: la prospettiva di turni di lavoro sempre più lunghi, le scorte limitate di dispositivi di protezione individuale, la paura di portare a casa l'infezione, il fatto di vedere i colleghi ammalarsi e di prendere decisioni difficili in merito a risorse scarse e salvavita, come i ventilatori meccanici. Non solo soffrono di ansia nell’assistere i pazienti malati - pur dovendo affrontare una terribile mancanza di dispositivi di protezione personale e di protocolli ospedalieri in rapido cambiamento - ma rinunciano anche alla compagnia dei loro partner e dei loro figli. È un livello di solitudine completamente diverso da quello con cui la maggior parte di noi ha a che fare.

Non deve quindi sorprendere che il benessere mentale degli operatori sanitari sia in grave pericolo. Un nuovo studio, pubblicato di recente sul Journal of the American Medical Association, quantifica questo rischio.

Lo studio, basato su un'indagine, esamina i risultati della salute mentale di 1.257 operatori sanitari che assistono i pazienti Covid-19 in 34 ospedali in Cina. I risultati non sono confortanti. Una gran parte di loro riferisce di avere sintomi di depressione (50 per cento), ansia (45 per cento), insonnia (34 per cento) e disagio psicologico (71,5 per cento).

Questi dati forse non sorprendono dato che spesso gli operatori sanitari sono chiamati a fare un lavoro extra emotivo: devono rassicurare i pazienti e al contempo reprimere i propri sentimenti.

Da questo studio emerge che i lavoratori in prima linea e quelli di Wuhan, l'epicentro dell'epidemia, mostrano un carico psicologico maggiore rispetto agli operatori sanitari cinesi più lontani dall'epicentro. Lo studio rileva che durante l'epidemia di SARS del 2003, gli operatori sanitari temevano di infettare la loro famiglia o i loro amici e si sentivano stigmatizzati perché erano noti per essere a stretto contatto con i pazienti malati e questo ha comportato un significativo livello di stress a lungo termine. Timori simili stanno probabilmente contribuendo ora al disagio degli operatori sanitari, oltre all'ovvia preoccupazione di essere una tra le categorie a più alto rischio di contrarre il Covid-19.

La protezione degli operatori sanitari è una componente importante delle misure di sanità pubblica per affrontare l'epidemia di Covid-19.

Gli interventi speciali e specifici per promuovere il benessere mentale degli operatori sanitari esposti al Covid-19 devono essere attuati immediatamente!! Lo studio non specifica quali interventi di salute mentale dovrebbero essere utilizzati per aiutare gli operatori sanitari, ma l'American Psychological Association (APA) osserva che i metodi raccomandati per migliorare la resilienza durante l'epidemia di SARS includevano un particolare "quadro di valutazione dello stress e del superamento dello stress", nonché i principi del "primo soccorso psicologico".

I limiti dello studio sono degni di nota. Non è in grado di distinguere i sintomi di salute mentale preesistenti da quelli nuovi e manca di un follow-up longitudinale, poiché l'indagine è stata effettuata durante sei giorni (dal 29 gennaio al 3 febbraio). Inoltre, si concentra esclusivamente sugli operatori sanitari in Cina.

Ciononostante, il pedaggio sulla salute mentale degli operatori sanitari in altri paesi è probabilmente altrettanto grave.

In Italia, i medici hanno dovuto scegliere tra i pazienti; una decisione straziante che può causare un disagio psicologico duraturo. Inoltre, poiché non ci sono abbastanza specialisti di malattie infettive per curare tutti i pazienti Covid-19, altri medici come oftalmologi e dermatologi sono stati formati per curarli, ad esempio fornendo ossigeno supplementare.

Un ospedale di Bergamo ha formato 1.500 persone in sette giorni! La maggior parte di loro non ha esperienza nel vedere un paziente che viene intubato o che muore davanti a loro, e poiché questo può essere traumatico, alcuni di loro possono finire con un disturbo da stress post-traumatico o con altri problemi di salute mentale in seguito.

Una pandemia può esercitare un grave impatto sulla salute mentale.

Quindi, se vi sentite più ansiosi del solito, sappiate che non siete soli. E sappiate che ci sono alcune cose che potete fare per mitigare gli effetti negativi sul vostro benessere.

Il Centers for Disease Control and Prevention (CDC) raccomanda di mangiare pasti equilibrati, fare esercizio fisico regolarmente e dormire molto.

Le vostre migliori difese contro il malessere prima della pandemia sono ancora le vostre migliori difese durante la pandemia. Il CDC e l'APA avvertono che l’esposizione massiccia ai media e alle continue informazioni circa l’attuale situazione - specialmente ai social media - può minare la salute mentale.

Se è possibile, è utile e preventivo per la salute mentale, limitare l'esposizione alle notizie a una o due volte al giorno, ed evitare tale esposizione per po' di tempo ogni giorno (ad esempio, tra la cena e l'ora di andare a letto).

È importante rimanere informati, ma superata una determinata soglia tale comportamento può risultare nocivo per la salute mentale.

L'APA osserva inoltre che la gestione precoce dello stress può prevenire problemi di salute mentale a lungo termine. Se iniziate a sentire un aumento acuto dell'ansia, della depressione o di altre condizioni, prendete in considerazione la possibilità di cercare un aiuto professionale il prima possibile.

Molti terapeuti offrono ora la possibilità di ricorrere a sedute psicologiche da remoto (Skype, WhatsApp..).

Infine, di seguito segnaliamo alcuni comportamenti da mantenere in questo periodo che possono aiutarci ad affrontare questa situazione particolare:

  1. Mantenere un atteggiamento positivo. È necessario valorizzare gli aspetti positivi dell'isolamento; anche se non possiamo uscire da casa se non per cose molto specifiche, in realtà siamo a casa nostra, con tutti i nostri comfort e con tutto ciò che è necessario per condurre una vita relativamente confortevole.
  2. Organizzare un programma. Non è consigliabile lasciar passare i giorni e lasciare che la noia, la pigrizia e, a volte, la disperazione si impadroniscano di noi. Per contrastare questo, si propone di organizzare un programma che copra tutti i momenti della giornata, dalla mattina quando ci alziamo alla sera quando andiamo a letto, e di cercare di non infrangere queste previsioni. Dobbiamo stabilire un orario preciso per alzarci, per l'igiene personale, il pranzo, la pulizia della casa, la cena e il sonno".
  3. Differenziare i compiti in base alla giornata. In condizioni normali, il lunedì non è come il sabato o la domenica. E anche in una situazione di quarantena non c'è motivo di cambiare questa abitudine, perché anche rimanendo confinati in casa possiamo fare la differenza tra i giorni. Per esempio, lunedì, mercoledì e venerdì dobbiamo organizzare la pulizia della casa; martedì, giovedì e sabato, giorni specifici per fare ginnastica; domenica, giorni per chiamare la famiglia e gli amici.
  4. Prendersi cura della pulizia personale. La restrizione imposta dallo Stato di Allarme alla vita sociale e lavorativa fa sì che alcune persone preferiscano non vestirsi o pulirsi in modo adeguato. Dal loro punto di vista, non c'è bisogno di vestirsi troppo quando si passa la giornata in casa e senza vedere nessuno, o, al massimo, avere contatti solo con chi fa parte del loro stretto nucleo di convivenza. Tuttavia, questo atteggiamento di pigrizia deve essere completamente sradicato e questo per due motivi: per rispetto verso coloro che vivono con noi e per non causare scoraggiamento. Dobbiamo fare la doccia e prepararci ogni giorno. Vestirsi con un minimo di rigore poiché se stiamo tutto il giorno in pigiama, in breve tempo non ci riconosceremo nemmeno.
  5. Mantenere la casa pulita. Un altro punto importante in una situazione di confinamento è quello di rendere la casa estremamente pulita, soprattutto in un caso come questo in cui l'igiene è il miglior alleato quando si tratta di prevenire il contagio. Tutto il nostro ambiente deve rimanere pulito e organizzato. Non possiamo cominciare a lasciare le cose fuori posto, perché se lo facciamo, nel giro di pochi giorni, la casa sarà un totale disordine e il livello di ansia di tutti coloro che condividono quello spazio aumenterà.
  6. Fare ginnastica. Uno dei principali svantaggi di una quarantena è che limita il movimento e quindi limita l'esercizio fisico, così necessario per la salute. Tuttavia l'esercizio fisico può essere fatto anche a casa: salto con la corda, flessioni, squat... Anche il tempo riservato alla ginnastica può implicare una buona occasione di incontro e divertimento per la famiglia, ognuno proponendo nuovi esercizi. In ogni caso bisogna sudare qualche minuto al giorno, in modo che i livelli di ansia scendano e il disagio muscolare non appaia.
  7. Trovare un momento di riflessione e di relax. Un momento storico come il presente è propizio alla riflessione e all'analisi, sia dal punto di vista collettivo che individuale.Per questo motivo bisogna cercare un momento di solitudine nel corso della giornata, per pensare a ciò che sta accadendo, se tutto sta andando bene e se ho bisogno di cambiare qualcosa nel mio atteggiamento quotidiano. Questo processo di interiorizzazione richiede, tuttavia, il raggiungimento di un certo stato di rilassamento. Per raggiungere questo obiettivo propone "di respirare con lo stomaco in equilibrio

BIBLIOGRAFIA

seguici su facebook   seguici su google twitter   seguici su google plus
Studio Legale Scafetta, v.le dei Primati Sportivi 19 - 00144 Roma, tel. 06 5922359
© 2009 - 2020 tutti i diritti riservati