STUDIO LEGALE
SCAFETTA
ricorso test medicina
consulenza legale online
consulenza legale on line
Roma - tel. 06 83394702
Napoli - tel. 081 19309763
info@studiolegalescafetta.it

Ricorso test medicina

Il 6 settembre 2016 in tutta Italia si sono svolti i Test di Medicina e Chirurgia, per novemila posti disponibili. I circa 63.000 iscritti al Test hanno atteso l’uscita del punteggio ottenuto e delle graduatorie.

Come tutti gli anni, troppe le anomalie, le irregolarità e le scorrettezze riscontrate. Tutti coloro che non sono stati ammessi alla facoltà di medicina o non hanno ottenuto un punteggio adeguato nella graduatoria hanno il diritto di ricorrere innanzi al TAR Lazio.

Sotto il profilo prettamente giuridico, si sono verificate evidenti violazioni del bando. Ad esempio, il decreto 312/2016 sulla validazione delle domande del test, prevede espressamente per i membri della Commissione l'obbligo di segretezza circa il contenuto delle domande.

Tale obbligo non è stato assolto. Il ricorso al Tar, se accolto, può offrire l’accesso alla facoltà di Medicina anche se al momento il proprio nome non appare in graduatoria.

Negli anni passati non sono mancati i casi in cui i giudici hanno accolto il ricorso di migliaia di aspiranti medici che, grazie alle sentenze che hanno invalidato la procedura d’esame, si sono potuti iscrivere regolarmente al corso di laurea magistrale in Medicina e Chirurgia.

Quest’anno il Tar del Lazio ha già emesso i primi provvedimenti di accoglimento dei ricorsi degli studenti che hanno superato il test di ammissione alle facoltà di Medicina ma che non sono stati ammessi per non aver sottoscritto la scheda anagrafica, in considerazione della circostanza che “le esclusioni non possono intervenire per motivi formali e si ritiene che la mancata sottoscrizione della scheda anagrafica sia una condizione inidonea a porre in dubbio l'identificazione del candidato”.

Motivi del ricorso

I motivi per cui poter presentare ricorso contro l'esito del test d'accesso alle facoltà di medicina sono molteplici, tra questi i principali sono:

Modalità e scadenze

Per il ricorso ci sono delle scadenze da tenere a mente: non devono passare più di 60 giorni (compresi i festivi) dalla pubblicazione della graduatoria.

Si tratta di un Ricorso collettivo al Tar Lazio.

Prima di provvedere alla stesura del Ricorso, occorre presentare Istanza di accesso agli atti, per ottenere la documentazione utile a dimostrare le irregolarità.

L’Amministrazione pubblica avrà 30 giorni di tempo per fornirci quanto richiesto. Lo scopo di questo ricorso è ottenere la riammissione in graduatoria e, qualora raggiunto un punteggio utile, essere assegnati in una delle sedi utili.

seguici su facebook   seguici su google twitter   seguici su google plus
Studio Legale Scafetta, v.le Africa 120 - 00144 Roma, tel. 06 5922359
© 2009 - 2018 tutti i diritti riservati