STUDIO LEGALE
SCAFETTA
Ricorso Vice Sovrintendente Tecnico Polizia
consulenza legale online
consulenza legale on line
Roma - tel. 06 83394702
Milano - tel. 02 39198385
Napoli - tel. 081 19309763
info@studiolegalescafetta.it

Ricorso Vice Sovrintendente Tecnico della Polizia di Stato

Sta partendo il ricorso collettivo riservato ai V.S.T. del 1° corso di formazione, per il riconoscimento dell'anzianità di servizio.

Adesione al ricorso

Le adesioni dovranno pervenire improrogabilmente entro il 15 settembre 2019.

Coloro che vorranno aderire al ricorso dovranno inviare una email all'indirizzo vstcollettivoscafetta@gmail.com contenente i propri dati anagrafici e recapiti.

Nell'oggetto della mail scrivere “adesione ricorso VST”.

 

Presupposti del ricorso

In data 29/12/2017 veniva bandito il 1° concorso di formazione tecnico-professionale per l’accesso alla qualifica di Vice Sovrintendente Tecnico della Polizia di Stato.

Da premettere che ai vincitori dell’ultima selezione interna per Vice Revisore Tecnico del 22/10/2014 (7° Corso – decorrenza 01/01/2006, vecchia denominazione della qualifica ante riordino ex d.lgs. n. 95/2017 e d.lgs. n. 126/2018), veniva conferita la decorrenza giuridica dal 1° Gennaio 2006, in virtù del fabbisogno nel ruolo al 31/12/2005.

Pertanto era logico attendere che, per le selezioni seguenti, la decorrenza giuridica venisse ancora determinata a partire dal 1° gennaio 2007 e per ogni 1° gennaio a seguire, e non a partire dalle date stabilite dai decreti di nomina emanati.

Invece, l’art. 14 comma 1 lettera n del D.Lgs. 5.10.2018 n. 126, riguardante le disposizioni correttive alla revisione delle Forze di Polizia, ha operato in deroga a quanto sancito dall’art. 20 – quater, comma 7 del D.P.R. 24.4.1982 n. 337.

Con tale decreto, il Governo ha disposto in un secondo tempo che: “I vincitori dei concorsi banditi entro il 2017, il 2018 e il 2019, conseguono la nomina a vice sovrintendente tecnico nell'ordine determinato dalla graduatoria finale del corso di formazione tecnico-professionale, della durata non superiore a tre mesi e non inferiore a un mese, con decorrenza giuridica ed economica dal giorno successivo alla data di conclusione del rispettivo corso di formazione tecnico-professionale”.

La suddetta disposizione appare arbitraria e comporta una disparità di trattamento rispetto all'analogo ruolo ordinario.

In definitiva, ai V.S.T. del 1° corso di formazione viene ora attribuita un'anzianità diversa, con palese disparità di trattamento e, per il principio della equiordinazione, anche nei confronti dei pari qualifica del ruolo ordinario del 26° Corso per Vice Sovrintendenti della Polizia di Stato, che, in autotutela, hanno visto correggersi la decorrenza un maniera penalizzante.

Beneficiari

Si rammenta che, in caso di accoglimento del ricorso, i benefici spetteranno al solo personale ricorrente, non essendo estesi in modo automatico a coloro che invece non avranno agito presso la competente Autorità amministrativa.

seguici su facebook   seguici su google twitter   seguici su google plus
Studio Legale Scafetta, v.le dei Primati Sportivi 19 - 00144 Roma, tel. 06 5922359
© 2009 - 2019 tutti i diritti riservati